giovedì 3 dicembre 2009

...tra Wikio, IAD e Metadone digitale...

Buongiorno a tutti...
...per chi non lo sapesse Wikio è il più grande aggregatore europeo di blog, in parole povere questo sito indicizza tutti i blog europei per categoria e poi stila una cassifica mensile.
Bene.
Nella classifica di Dicembre, nella categoria Salute, questo blog è al 10 posto.
Dunque è d'obbligo un ringraziamento a tutti voi che leggete assiduamente "Psichiatria & CyberTherapy".

1Psiche e soma
2Benessereblog
3Medicina Live
4A Bagnomaria
5Protonutrizione
6MALA CIBUS CURRUNT
7Blogosfere Scienza e Salute
8Psicozoo
9Www.100salute.it
10Psichiatria e CyberTherapy
11BioBlog
12Il Weblog di Antonio
13Tanta Salute
14Fitness e Benessere Superiori
15Il Pensiero Scientifico Editore
16Farmaco e Cura
17MondoBenessereBlog
18Wellness e Salute
19Nuova Influenza
20Natura 360



Per quanto l'IAD, sono venuto a conoscenza di altri due tools che potrebbero essere davvero efficaci nell'ambito della ricerca...
Il primo è un add-on di Firefox, cioè un' applicazione per Mozilla Firefox che si scarica grauitamente e si aggiunge al vostro browser internet.
La trovate qui: https://addons.mozilla.org/en-US/firefox/addon/4476
A che serve? Serve a bloccare quei siti che hanno un grande effetto additivo per l'utente, il tutto in pochi click.
Il secondo è invece un programmino freeware, cioè gratis e facilmente installabile, che spegne automaticamente il pc ad un orario che si imposta prima.
Lo trovate qui: http://www.softpedia.com/get/System/Launchers-Shutdown-Tools/Sam-Shutdown-Timer.shtml

Infine volevo sottoporre alla vostra attenzione una notizia, segnalata dal Prof. La Barbera e che ha fatto il giro della rete...
La notizia è del Corriere.it e fatta circolare da Gizmodo.it
Ve la riporto...



"Il metadone digitale"
Cosa stanno facendo questi individui con la testa coperta da un copricapo decisamente strano? Dall’immagine è persino difficile capire che si tratta di persone di origine orientale, figuriamoci se saremmo in grado di comprendere che non stanno facendo altro che disintossicarsi. Ebbene sì, gli individui immortalati nell’immagine sono affetti da dipendenza da internet. Si trovano nel dipartimento di riabilitazione del Baiyun Mental Health Hospital a Guangzhou, dove si stanno sottoponendo a una cura nella “Nanometer Wave Treatment Room”. La rieducazione prevede sedute giornaliere di 20 minuti in cui i pazienti infilano la testa nella “macchina a onde nanometriche” che simula le stimolazioni che una persona riceve davanti allo schermo di un computer. Una sorta di “metadone” che aiuta a placare ansietà e depressione nelle persone in “crisi da astinenza”. Una notizia che potrebbe risultare divertente, in realtà, nasconde la possibilità che nel 2012 la dipendenza da Internet potrebbe essere inserita nel DSM-V, il manuale di riferimento della psichiatria.

...spero abbiate apprezzato tutte le notizie e la nuova funzionalità audio!
Un salutone.

1 commento:

zoé ha detto...

Magnifico .. mai pensato a "metadone digitale" .... Strano ma a quanto pare funziona ;)
Grazie a te e Buona Giornata!