mercoledì 23 dicembre 2009

Buon Natale!



...vi auguro un Natale pieno di gioia e serenità e un Anno Nuovo ricco di nuove prospettive ed orizzonti inesplorati...

Un abbraccio di cuore...

sabato 19 dicembre 2009

World Wide Web?...no! World Wide Crime...

Associazione che tocca anche Palermo...
Copio&Incollo uno stralcio della presentazione, tratta dal loro sito:

"Costituita nel dicembre 2008, World Wide Crime (W-W-C) è un'associazione senza scopo di lucro che si prefigge di effettuare ricerca e studio dei fenomeni criminali. La somiglianza dell'acronimo WWC a quello del WWW (utilizzato per indicare la sigla World Wide Web) non è casuale. Nell'era contemporanea la rete internet costituisce uno dei principali strumenti utilizzati per la progettazione, esecuzione e mascheramento di numerose fattispecie di reati, tuttavia senza determinare una diminuzione del numero dei crimini "classici" quotidianamente commessi. In quest'ottica l'associazione intende muoversi su entrambi i fronti. Attraverso la costituzione di comitati scientifici di ricerca specializzati in determinate materie e composti da esperti nei relativi settori sarà possibile affrontare le diverse tematiche concentrando l'esperienza e la competenza di ciascun ricercatore."

Link del sito: http://www.worldwidecrime.it/
Link della pagina fan su facebook: http://www.facebook.com/pages/World-Wide-Crime-Studio-e-Analisi-dei-Fenomeni-Criminali/211329661944

L'Associazione organizza a Palermo un incontro, precisamente sabato 16 gennaio 2010, presso Villa Magnisi in via Rosario da Partanna 22.
L'orario previsto è dalle 9:00 alle 14:00.
Link dell'evento su facebook: http://www.facebook.com/event.php?eid=214203645669&ref=mf

Vi riporto la locandina, nella quale sono specificati tutti i riferimenti per l'iscrizione... comunque se visitate i vari links proprosti, trovate tutto...





...e buon weekend prenatalizio!

lunedì 14 dicembre 2009

Girovagando...

...ogni tanto mi piace segnalare qualche sito che mi ha particolarmente incuriosito... oggi spaziamo dalla Psichiatria alla Medicina in generale, dalla Società alla Chirurgia... date un'occhiata:



1) Centro di Documentazione di Storia della Psichiatria "San Lazzaro"
http://www.ausl.re.it/biblioteca/html/1000.html
Uno stralcio della loro presentazione: "La predisposizione di questo sito risponde ad una duplice finalità.
Da un lato, dopo un quindicennio di attività di ricerca e di intervento sul patrimonio del "San Lazzaro", cominciare a diffondere presso la più ampia comunità scientifica i risultati di tale lavoro.
Dall'altro, mettere a disposizione dei ricercatori e degli studiosi che operano nel campo dei saperi medico-psichiatrici, psicologici, psicoanalitici, ma anche delle scienze umane e sociali, sia in qualità di operatori, sia in qualità di storici e ricercatori, uno strumento supplementare di informazione e conoscenza, regolarmente aggiornato sulle iniziative e sugli sviluppi che interessano tale ambito".
...vale la pena farci una visita...

2) Visible Body - 3D Human Anatomy
http://www.visiblebody.com/start
...basta con gli atlanti di anatomia! Ecco il corpo umano in 3 dimensioni.
Attenzione però, la DEMO è gratuita, ma la versione intera è a pagamento...

3) Organ System Pathology
http://library.med.utah.edu/WebPath/ORGAN.html#1
...immagini raccolte per Apparato, che mostrano l'organo sano e l'organo patologico... comprese foto al microscopio.
Per addetti ai lavori.

4) MedLinePlus: Videos of Surgical Procedures
http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/surgeryvideos.html
...assolutamente per addetti ai lavori e assolutamente non adatto alle persone impressionabili.
Sito dal carattere culturale elevato, in quanto vengono mostrate in video i trattamenti chirurgici delle più comuni patologie, riunite per Apparato o per patologia.

5)SpaceLocker
http://www.spacelocker.com/
...interessante e nascente Socila Network, in cui registrandosi si ha a disposizione un armadietto stile scuola americana, da riempire con video, foto, collegamenti a chat e quant'altro... graficamente molto godibile.

Spero che questa piccola rassegna sia di vostro gradimento.
Buon Lunedi a tutti voi.

venerdì 11 dicembre 2009

Blogs in Psychiatry... why not?

...oggi vi voglio presentare uno studio partito e concluso l'anno scorso riguardo l'uso dei blog (in particolare questa stessa piattaforma) in Psichiatria...
Vi segnalo subito due powerpoints, molto molto simili...





...e poi vi segnalo anche il link del blog a cui fanno riferimento:
http://psychiatrist-blog.blogspot.com/
...e il link al sito che contiene i podcasts:
http://mythreeshrinks.com/

...che ne pensate?
Blogs, Social Networks, Realtà Virtuale... vanno d'accordo con la Psichiatria tradizionale?
...buona giornata.

martedì 8 dicembre 2009

Il disagio psichico nella post-modernità...



"Il disagio psichico nella post-modernità... Configurazioni di personalità e aspetti psicopatologici"


Il volume propone un viaggio all’interno dell’area-limite della clinica e della psicopatologia dei disturbi di personalità che, nell’epoca attuale, sembrano diffondersi al pari di una normopatia.
Attraverso il contributo di Autori di elevata esperienza clinica, ma anche attivamente presenti nel panorama scientifico, viene offerto uno scenario dai riflessi mutevoli, di interesse sia per gli specialisti che per il lettore attento a questi temi.
Oltre a contributi di ricerca, sarà possibile porsi in ascolto di storie di vita e di sofferenza umana accolte all’interno della relazione terapeutica.In una fase della civiltà umana caratterizzata da una tumultuosa accelerazione del progresso tecnologico, che determina fenomeni di frammentazione e ibridazione culturale e radicali cambiamenti nella sensorialità e nella sfera cognitiva e affettiva, i processi di definizione identitaria rischiano di assumere quelle caratteristiche di eclettismo, indifferenziazione e liquidità proprie dei continui e caotici scambi e relazioni che oggi si realizzano in una miriade di spazi virtuali tecno-mediati. Riflettere su questi aspetti appare indispensabile per un corretto approccio alle patologie della personalità nell’epoca post-moderna.

Daniele La Barbera...
...professore ordinario di psichiatria, direttore della Scuola di specializzazione in psichiatria dell’Università di Palermo e dell’Unità operativa di psichiatria del Policlinico universitario di Palermo, presidente della Società Italiana di psicotecnologie e clinica dei nuovi media, direttore responsabile della rivista «Psicotech».

Maurizio Guarneri...
...professore aggregato di psichiatria presso l’Università di Palermo, psicoanalista, docente presso l’Istituto italiano di psicoanalisi di gruppo di Palermo.

Laura Ferraro...
...psicologo clinico e psicoterapeuta in formazione, Assegnista di Ricerca presso l’Università di Palermo, consulente editoriale della rivista «Psicotech».

...dovreste trovarlo nelle librerie verso il 15 dicembre, comunque per tenervi aggiornati potete visitare questo link:
http://www.libreriauniversitaria.it/disagio-psichico-post-modernita-configurazioni/libro/9788874870295
...un'ottima lettura e una ulteriore occasione di studio da gustare durante la pausa natalizia.

domenica 6 dicembre 2009

Realtà Aumentata... cos'è e a che serve?

Innanzitutto buona domenica a tutti...
Cos'è la Realtà Aumentata o Augmented Reality?
Se ne parla vagamente in rete... compare ogni tanto uno spot in tv in cui viene usata solo a scopo commerciale... ma c'è molta confusione e ignoranza rispetto a questo straordinario strumento.

Vi riporto la definizione di Wikipedia e un video di Youtube per introdurvi l'argomento...

"Da Wikipedia, l'enciclopedia libera"
La realtà aumentata ((in inglese augmented reality, abbreviato AR) è la sovrapposizione di livelli informativi ( elementi virtuali e multimediali, dati geolocalizzati etc) ad un flusso video che riprende la realtà di tutti i giorni. Gli elementi che "aumentano" la realtà possono essere visualizzati atraverso un device mobile, come un telefonino di ultima generazione, (es. l'iPhone 3GS o un telefono Android) o con l'uso di un pc dotato di webcam. Il sovrapporsi di elementi reali e virtuali crea una "Mixed Reality".



Bene.
...ma l'applicazione attuale qual'è?
Noi che ce ne facciamo ADESSO?

Io vi segnalo oggi un sito che in pochi conoscono, un sito che ha un alto potenziale culturale e "social"... un sito che unisce veramente la conoscenza in rete alla nostra realtà quotidiana.
L'indirizzo è Semapedia.org
Vi spiego in due parole cosa ognuno di noi può fare per mezzo di questo sito... da SUBITO...
Tramite questo sito si può linkare lo spazio reale a Wikipedia e a tutti i suoi sottoprodotti come Wikibooks, Wikiquote, etc... semplice no?
In che modo?
Io giro per la mia città, vedo un monumento ad esempio (ma si può fare questo discorso anche con mille altri oggetti) a cui sono particolarmente legato... ok... vado su Semapedia, elaboro un codice a barre che contiene il link a Wikipedia di quel tale monumento, stampo il codice a barre su carta adesiva e lo vado ad appiccicare vicino al monumento...
Passa il turista del caso, fotografa col suo cellulare di ultima generazione il codice a barre mentre è connesso ad internet e gli compaiono tutte le informazioni riguardo a quel monumento presenti su Wikipedia.
Per leggere i codici a barre ci vuole un programmino da installare sul proprio telefono scaricabile gratuitamente da Semapedia... si pagherà ovviamente in seguito solo la connessione ad internet.
Per produrre i codici a barre da applicare in giro per il mondo (wow!) si deve andare sempre su Semapedia e in pochi click lo si fa... vi assicuro che è semplicissimo.

Così possiamo fare diventare ancora più social la nostra realtà di ogni giorno...

Oggi ho voluto trattare questo argomento perchè la psichiatria, in quanto scienza medica sociale, non può ignorare i mutamenti che intervengono nella società appunto, mutamenti che a loro volta intervengono sui nostri rapporti, sulla nostra quotidianità, sulla nostra percezione, sul nostro cervello...

Cerco sempre di essere il più semplice e specifico possibile... che ne pensate dell'articolo appena letto?

Spero abbiate apprezzato... e ancora buona domenica!

venerdì 4 dicembre 2009

Palermo è... Festival della Scienza!



"…equipaggiato dei suoi cinque sensi, l'uomo esplora l'universo attorno a lui, e chiama l'avventura scienza"
Edwin Hubble

Questa è la frase simbolo del Festival della Scienza che apre oggi i battenti a Palermo, per terminare il 13 Dicembre...
Un Festival che tocca i campi più svariati, dalla medicina alla cucina, dalla chimica alla filosofia...

Questo è il link della homepage del sito, dove troverete il programma dettagliato e tutto ciò che c'è da sapere sull'evento:
http://www.festivalscienza.it/site/Home/Palermo2009.html

giovedì 3 dicembre 2009

...tra Wikio, IAD e Metadone digitale...

Buongiorno a tutti...
...per chi non lo sapesse Wikio è il più grande aggregatore europeo di blog, in parole povere questo sito indicizza tutti i blog europei per categoria e poi stila una cassifica mensile.
Bene.
Nella classifica di Dicembre, nella categoria Salute, questo blog è al 10 posto.
Dunque è d'obbligo un ringraziamento a tutti voi che leggete assiduamente "Psichiatria & CyberTherapy".

1Psiche e soma
2Benessereblog
3Medicina Live
4A Bagnomaria
5Protonutrizione
6MALA CIBUS CURRUNT
7Blogosfere Scienza e Salute
8Psicozoo
9Www.100salute.it
10Psichiatria e CyberTherapy
11BioBlog
12Il Weblog di Antonio
13Tanta Salute
14Fitness e Benessere Superiori
15Il Pensiero Scientifico Editore
16Farmaco e Cura
17MondoBenessereBlog
18Wellness e Salute
19Nuova Influenza
20Natura 360



Per quanto l'IAD, sono venuto a conoscenza di altri due tools che potrebbero essere davvero efficaci nell'ambito della ricerca...
Il primo è un add-on di Firefox, cioè un' applicazione per Mozilla Firefox che si scarica grauitamente e si aggiunge al vostro browser internet.
La trovate qui: https://addons.mozilla.org/en-US/firefox/addon/4476
A che serve? Serve a bloccare quei siti che hanno un grande effetto additivo per l'utente, il tutto in pochi click.
Il secondo è invece un programmino freeware, cioè gratis e facilmente installabile, che spegne automaticamente il pc ad un orario che si imposta prima.
Lo trovate qui: http://www.softpedia.com/get/System/Launchers-Shutdown-Tools/Sam-Shutdown-Timer.shtml

Infine volevo sottoporre alla vostra attenzione una notizia, segnalata dal Prof. La Barbera e che ha fatto il giro della rete...
La notizia è del Corriere.it e fatta circolare da Gizmodo.it
Ve la riporto...



"Il metadone digitale"
Cosa stanno facendo questi individui con la testa coperta da un copricapo decisamente strano? Dall’immagine è persino difficile capire che si tratta di persone di origine orientale, figuriamoci se saremmo in grado di comprendere che non stanno facendo altro che disintossicarsi. Ebbene sì, gli individui immortalati nell’immagine sono affetti da dipendenza da internet. Si trovano nel dipartimento di riabilitazione del Baiyun Mental Health Hospital a Guangzhou, dove si stanno sottoponendo a una cura nella “Nanometer Wave Treatment Room”. La rieducazione prevede sedute giornaliere di 20 minuti in cui i pazienti infilano la testa nella “macchina a onde nanometriche” che simula le stimolazioni che una persona riceve davanti allo schermo di un computer. Una sorta di “metadone” che aiuta a placare ansietà e depressione nelle persone in “crisi da astinenza”. Una notizia che potrebbe risultare divertente, in realtà, nasconde la possibilità che nel 2012 la dipendenza da Internet potrebbe essere inserita nel DSM-V, il manuale di riferimento della psichiatria.

...spero abbiate apprezzato tutte le notizie e la nuova funzionalità audio!
Un salutone.

lunedì 30 novembre 2009

E.T. - Evoluzionismo Tecnologico

Il Prof. Daniele La Barbera segnalava ieri su Facebook due articoli tratti da Repubblica.it, datati proprio 29 Nov 2009, che spiegano in sostanza come l'Uomo stia evolvendosi sia dal punto di vista genetico sia da quello sociale, evoluzione che non può più prescindere dalla tecnologia... se mai una evoluzione sia ancora possibile (spiegano alcuni).
Vi riporto gli articoli per intero, affinchè possiate prescindere dalle mie considerazioni e farne di vostre...
Il primo articolo è di Luigi Bignami, il secondo è di Ilvo Diamanti.
Buona lettura...




"L'aspetto dell'uomo del futuro superatleta e cervello-computer"

ROMA - Una copia della prima edizione dell'opera magna di Charles Darwin è stata appena battuta all'asta da Christie's a 114.560 euro. Cinquant'anni fa un privato l'aveva comprata a pochi euro. E ora il National Geographic si chiede quale potrà essere il futuro dell'umanità dal punto di vista evolutivo. Continuerà cioè, ad evolversi, come stanno facendo altre specie viventi sulla Terra o quel processo è terminato? La risposta di vari scienziati ha portato a quattro scenari molto diversi gli uni dagli altri.

Il primo vuole che l'evoluzione sia conclusa. Questa ipotesi è sostenuta da Ian Tattersall, antropologo del Museo di Storia Naturale di New York, che spiega: "Guardandoci alle spalle, vediamo un lungo cammino dell'evoluzione dell'uomo e questo potrebbe portarci a supporre che essa continuerà in futuro. Ma questa è un'ipotesi errata". Secondo Tattersall, infatti, la teoria dell'evoluzione suggerisce che le innovazioni genetiche possano avvenire solo là dove vi sono popolazioni isolate. Ne sono un esempio proprio le variazioni di specie dei fringuelli delle Galapagos, che hanno permesso a Darwin di formulare la sua teoria. Ma poiché l'uomo si è diffuso notevolmente su tutto il pianeta risulta assai difficile, secondo il ricercatore, che una variazione genetica possa diventare comune a tutta l'umanità.

Dello stesso parere è anche Steve Jones, professore di genetica dell'Università College London, che esprime il suo pensiero in un lavoro che ha rivisto in chiave moderna la Teoria di Darwin. Per Jones "la popolazione umana potrà diventare più omogenea rispetto ad oggi, ma la "macchina di Darwin" ha perso la sua forza". Secondo Jones, infatti, la "sopravvivenza del più forte" è un meccanismo che non interessa più l'umanità nel suo insieme. Non sarà più solo il più forte a sopravvivere, perché anche i deboli, grazie alla medicina, possono avere una vita lunga e trasmettere i propri geni ai "più forti".

Per altri scienziati invece, l'evoluzione potrà lavorare sull'uomo ancora a lungo, tant'è che in una ricerca pubblicata recentemente su "Proceedings ot the National Academy of Science", si ipotizza, ad esempio, che le donne del futuro saranno più basse e robuste. Un team dell'Università di Yale, guidato da Stephen Stearns, ha scoperto che le donne attuali con tali caratteristiche, dovute a particolari cicli dell'ovulazione, tendono ad avere più figli rispetto a donne con caratteristiche fisiche diverse. E tali peculiarità vengono trasmesse ai figli che, dunque, dovrebbero aumentare di numero.

Anche secondo Geoffrey Miller, uno psicologo evoluzionista, c'è ancora spazio per un uomo diverso da quello odierno. "Oggi si tende sempre più a scegliere un compagno di vita che ha successo dal punto di vista economico, una selezione naturale che tende a dare spazio alle persone più intelligenti".

Una terza ipotesi vuole che l'evoluzione dell'uomo non sarà più legata a fattori biologici, ma a quelli tecnologici. Il futuro vedrà una selezione "innaturale" e non più naturale. Secondo Nick Bostrom, direttore del Future of Humanity Institute dell'Università di Oxford, l'evoluzione darwiniana viaggia su un binario troppo lento rispetto a quanto sta accadendo all'umanità, che sarà sempre più oggetto di clonazioni, di variazioni genetiche artificiali, di nanotecnologie. Questa visione del futuro dell'uomo vede un futuro di supersoldati e di atleti, al cui confronto quelli di oggi sono nulla, e addirittura viene evocata l'immortalità, in quanto, scannerizzando il cervello umano atomo per atomo, sarà possibile trasferire la sua struttura e quindi anche la mente ad un computer che potrà vivere in "eterno".

La quarta possibilità, infine, vede l'uomo in evoluzione quando si troverà isolato su lontani pianeti che saranno stati colonizzati. Là, secondo John Hawks, antropologo all'Università Wisconsin-Madison, l'uomo si troverà così isolato che ciò gli permetterà di evolversi per adattarsi ai nuovi mondi. Ma forse non lo potrà raccontare a nessuno.




"L'avvento della società spiona"

POCHI GIORNI fa l'amministrazione di una località in provincia di Mantova, governata da una coalizione Lega-Pdl, ha invitato i cittadini, con manifesti eloquenti, a denunciare i clandestini che risiedono entro i confini comunali. D'altronde, un'esortazione analoga era stata rivolta ai medici ospedalieri, in una versione preliminare del "pacchetto sicurezza" presentata dal governo. Segni di una marcia inarrestabile, che conduce - anzi: ci ha già immersi - in un mondo nuovo. La società spiona. Che tutti sono chiamati a costruire, rafforzare, estendere. In nome della sicurezza.

È strano, questo orientamento, perché contrasta con il pensiero unico dell'epoca, che ha come riferimenti la libertà e l'individuo. Riassunti nella libertà individuale. Ancora oggi, reclamata come valore irrinunciabile della nostra civiltà. Liberale (appunto) e liberata da ogni totalitarismo. Tanto più dopo il passaggio dalla comunità tradizionale alla metropoli. Fino alla nascita della "società in rete", di cui parla Manuel Castells. Dove le relazioni avvengono a distanza, senza vincoli di spazio e di tempo. A dispetto di ciò, oggi il paradigma dominante si ispira alla sicurezza. Reclama il controllo sociale. Affidato non più alla comunità, ma agli individui stessi. Oppure allo stato. O ancora: al mercato.

Ciascuno è, dunque, chiamato a difendere se stesso, la famiglia: dagli altri, da ogni altro. Mentre, fra i cittadini, c'è ampia disponibilità a delegare alle istituzioni pubbliche e ad agenzie private il compito di difenderli. A costo di cedere porzioni crescenti della nostra libertà personale. D'altronde, il territorio desertificato delle nostre infinite periferie urbane è controllato dai sistemi di videosorveglianza.

Telecamere dovunque, che registrano i nostri passi e i nostri passaggi. Soggetti pubblici e privati ci spiano e filmano tutti, dappertutto. Davanti agli sportelli bancari, nei supermercati, nei giardini pubblici, nei parcheggi sotterranei e all'aperto. Senza sollevare grandi timori, fra i cittadini. Al contrario. Come rileva un'indagine di Demos-Unipolis, condotta nelle scorse settimane (per l'Osservatorio su "Sicurezza, percezione e informazione"), circa nove italiani su dieci sono favorevoli ad "aumentare la sorveglianza con telecamere in strada e nei luoghi pubblici". Circa uno su due: a "consentire al governo di monitorare le transazioni bancarie". Infine, uno su tre: a "rendere più facile per le autorità leggere la posta, le e-mail o intercettare le telefonate senza il consenso delle persone".

Insomma, spioni e spiati, senza troppa angoscia, senza troppi dubbi. È il clima del tempo. Favorito dai media e dalle tecnologie. Evocare Orwell è fin troppo facile. Visto che il Grande Fratello è divenuto un format televisivo di successo globale. Archetipo di tutti i reality show. Il GF, dove i concorrenti stanno rinchiusi in una casa, ciascuno da solo contro tutti gli altri, come ha osservato Bauman. Mentre il mondo fuori li spia, a (tele) comando. Una società allo specchio, fatta di spettatori che apprendono l'arte di arrangiarsi, di guardare e di guardarsi. Dagli altri. Non a caso 7 italiani su 10 dicono che occorre cautela nel rapporto con gli altri; che ti potrebbero fregare (sondaggio Demos, novembre 2009). Dunque: ciascuno per proprio conto. Sottoposto a un "controllo continuo", in un presente istantaneo e dilatato (per evocare Deleuze).

D'altronde, le nuove tecnologie della comunicazione rendono possibile ogni intrusione nel privato, immediatamente (senza mediazione). E lo rendono, anzi, di pubblico dominio. Ogni cellulare è dotato di videocamera e di apparecchio fotografico. Per cui ciascuno può riprendere chiunque, in ogni luogo. Riversarne le immagini in rete. In tempo reale. E tutti possono essere spiati e ascoltati ovunque, da soggetti pubblici ma anche privati. Per motivi di sicurezza, ma anche di interesse. Visto che le informazioni private e personali hanno un valore di mercato crescente.

Così avviene il paradosso della perdita di libertà prodotta dalla conquista della libertà. Perché la comunicazione è libertà, Internet è libertà. Come è possibile ribellarsi, opporsi, semplicemente criticare: senza apparire "nemici" della libertà? Nostalgici del tempo passato? Tuttavia, lo sconfinamento fra società della comunicazione e della sorveglianza; fra società in rete e spiona: è continuo e pervasivo. Questa tendenza ha da tempo contaminato la politica. Basta pensare, per ultimi, ai grandi "affaires" degli ultimi mesi. Berlusconi, Marrazzo. Fino alle indiscrezioni sulla Mussolini. Filmati, video, telefonate, servizi fotografici.

Chissà quanti altri capitoli in preparazione o già predisposti, sul punto di irrompere, in questa saga della società spiona. Che ha, da tempo, un organo ufficiale autorevole, pubblicato - ovviamente - in rete, la cui testata recita - ovviamente - DagoSpia. Così rischiamo di scivolare, rapidamente, lungo la deriva delatoria senza accorgercene. E di subirla senza quasi combattere. Assuefatti, più che sopraffatti.

Spinti dalla "società spiona", dove i confini tra privato e pubblico, fra noi e gli altri si confondono, anche nella vita quotidiana. Dove ciascuno si rinchiude nel (e si maschera da) privato anche in pubblico; quando è con gli altri. Dove ciascuno è osservato dagli altri e sorvegliato dal pubblico, anche nel privato. Quando si illude di essere solo. Dove tutti - o quasi - indossano occhiali scuri. Non per difendersi dalla luce abbagliante. (Molti li portano anche di sera, perfino di notte). Ma dagli altri. Per guardare senza essere guardati. Per puntare gli occhi sugli altri senza che gli altri possano vedere i nostri occhi. La società spiona: in nome della sicurezza rischia di trasformarci in nemici. Non solo degli Altri. Ma anche di noi stessi.

venerdì 27 novembre 2009

ADHD Palermo...

Da qualche mese è nato il sito "ADHD-Palermo", che trovate all'indirizzo adhdpalermo.it... vi riporto la loro presentazione:

"Questo sito rappresenta l’interfaccia virtuale dell’ambulatorio per la diagnosi ed il trattamento del Disturbo da Deficit dell’Attenzione/Iperattività nell’età adulta presente presso l’Unità di Psichiatria del Policlinico “P.Giaccone” di Palermo diretto dal Prof. Daniele La Barbera.
I contributi presentati sono elaborati da psicologi, psicoterapeuti in formazione, medici specialisti e specializzandi in Psichiatria. Lo scopo è quello di condividere, divulgare e discutere informazioni su questa patologia e di favorire l’accesso alle risorse presenti sul territorio"

Il sito è ricco di informazioni circa la patologia in questione, che riguardano argomenti a partire dai sintomi fino alle risorse sul territorio e anche a livello internazionale... un sito da tenere in considerazione insomma...

Inoltre di seguito vi posto le foto di alcuni relatori che hanno presentato i loro lavori al Convegno Siptech...
Per una più ampia carrelata di immagini potete visitare il gruppo POL.it su Facebook all'indirizzo:
http://www.facebook.com/pages/POLit-Psychiatry-on-line-ITALIA/208772449464
...troverete una settantina di foto credo...

Vi lascio alle immagini e una buona giornata a tutti...




Prof. La Barbera


Prof. Caretti


Prof. Di Giannantonio


Da sin. Proff. Riva e Prof. Longo


Prof. Garcia-Palacios


Prof. Cantelmi


Da sin. Proff. La Barbera, Aguglia, Riva

giovedì 26 novembre 2009

Siptech 2009... impressioni...



Ieri intorno alle 15:00 si sono conclusi i lavori del III Convegno Siptech.

Non voglio raccontarvi il contenuto degli interventi dei vari relatori, tutti diversi e tutti uniti da un filo rosso, tutti pieni di spunti di lavoro e pervasi da desiderio di conoscenza... anche perchè stiamo pensando di produrre un dvd che contiene le riprese del convegno, cosicchè potrete vedere con i vostri occhi ed elaborare autonomamente i contenuti che più vi interessano.

Oggi voglio soltanto raccontarvi in due parole ciò che questo Convegno ha rappresentato finora e rappresenterà negli anni a venire nel panorama psichiatrico italiano... un punto di riferimento per chi crede che la Psichiatria abbia il suo futuro su internet, non per desiderio di avvenirismo o altro, ma per pura presa di coscienza sociale ed evoluzionista.

Voglio inoltre condividere con voi la presentazione prodotta dal sottoscritto Ignazio Graffeo e dal Dott. Davide Mangiapane, che ha egregiamente relazionato il nostro lavoro davanti una platea entusiasta.

La trovate qui (sia da prendere in visione che da scaricare gratuitamente):
http://www.slideshare.net/guest0203f8/risorse-e-potenzialit-dei-siti-telematici-per-il-lavoro-psichiatrico

Voglio ringraziare il Prof. Daniele La Barbera, motore e promotore dell'evento e tutti coloro, relatori uditori organizzatori, che sono convenuti presso il Castello Utveggio per Siptech 2009... che... anteprima delle anteprime... si ripeterà l'anno prossimo con Siptech 2010!

Una buona giornata a tutti voi...

giovedì 5 novembre 2009

Aggiornamenti Convegno SIPTech...

Già sapete che a Palermo dal 23 al 25 Novembre si terrà il III Convegno Internazionale della Società Italiana di Psicotecnologie e Clinica dei nuovi Media.
La location è il Castello Utveggio.

Vi ricordo che il convegno è indirizzato a Medici, Psicologi, Giornalisti, Comunicatori,
esperti di informatica, studenti e specializzandi.
Il Costo dell'iscrizione al convegno è di € 120,00 IVA incl. per i
professionisti e di € 70,00 IVA incl. per gli studenti e gli
specializzandi, è prevista, inoltre, l'acquisizione dei crediti ECM.
Per maggiori informazioni rivolgersi a TRESY S.R.L. tel. +39 095 7271718,
fax +39 095 7273678, e-mail tresysrl@tresygroup.com

La locandina definitiva è la seguente (la potete scaricare ed ingrandire a vostro piacimento)...



...inoltre su siptech.it potete scaricare la scheda di adesione al convegno, che tra l'altro serve ad ottenere i crediti ECM, e il programma completo.

Spero partecipiate in molti.
Spero approfittiate di questa occasione assolutamente all'avanguardia nel campo della Psichiatria e della medicina in generale.
Spero abbiate l'opportunità di cogliere il potere tecnologico, innovativo, umano di questo convegno.
...e spero di fare la vostra conoscenza fisica oltre che virtuale!

Buona giornata a voi.

sabato 17 ottobre 2009

Ultimissime dal web... !

Oggi post ricchissimo... da leggere fino alla fine, mi raccomando!
Anzitutto vi comunico che c'è il programma definitivo del III Convegno Internazionale della SIPTech, Società Italiana di Psicotecnologie e Clinica dei Nuovi Media, che vi riporto:



III Convegno Internazionale della SIPtech
Società Italiana di Psicotecnologie e Clinica dei nuovi Media

PALERMO
Castello Utveggio
23-25 novembre 2009

-----------------------------------------------------------------------------

I rapidi processi di cambiamento che coinvolgono le tecnologie dell’informazione e della comunicazione si ripercuotono nell’epoca attuale sulla qualità della vita umana, sulle relazioni interindividuali, sul modo di definire gli affetti, sulla cultura e lo sviluppo della civiltà, sulla formazione delle nuove generazioni, ma anche sul modo di intendere la cura e la malattia, nonché sulla genesi di alcune delle più attuali forme di Addiction.

Il Convegno, ascoltando la voce dei più autorevoli ricercatori che si sono occupati, da più prospettive differenti, di studiare i nuovi scenari psicologici e psicosociali che derivano dalle nuove tecnologie digitali, intende approfondire la natura di questi cambiamenti in atto e delineare i possibili scenari futuri relativi all’impatto di tali mutamenti sulla mente individuale e collettiva.

In particolare, si cercherà di indagare quella rivoluzione culturale che porta il soggetto a trasferire sul web quello che prima era il suo mondo privato. Si valuteranno i principali fenomeni psicologici e psicopatologici che nascono dalla divulgazione sempre più massiva della rete, fino a discutere le nuove possibilità terapeutiche che derivano dalle applicazioni delle nuove tecnologie di realtà virtuale e dalle risorse che più in generale le nuove tecnologie della comunicazione possono rappresentare per il lavoro clinico in psichiatria e in psicologia.

Lo scopo del Convegno, quindi, è di mettere a fuoco il rinnovamento culturale che stiamo vivendo e di definire un approccio consapevole all’uso delle nuove tecnologie, valutandone i rischi come anche le straordinarie opportunità conoscitive.

-----------------------------------------------------------------------------

Relatori e Moderatori

E. Aguglia (Catania), M. Bellini (Roma), F. Bollorino (Genova), F. Bricolo (Verona),
T. Cantelmi (Roma), M. Cardaci (Palermo), V. Caretti (Roma),
F. Di Maria (Palermo), A. Garcia-Palacios (Spagna), M. Di Giannatonio (Chieti),
M. Guarneri (Palermo), M. Inguglia (Palermo), D. La Barbera (Palermo),
R. Lo Baido (Palermo), M. Longo (Roma), D. Mangiapane (Palermo),
G. Manzi (Roma), P.L. Marconi (Roma), G.L. Me (Roma), A. Messina (Palermo),
G. Migliore (Palermo), L. Petrone (Roma), G. Riva (Milano), A. Siracusano (Roma)

-----------------------------------------------------------------------------

Presidente del Convegno
Daniele La Barbera

Comitato Scientifico
Derrick de Kerckhove, Eugenio Aguglia, Francesco Bollorino, Tonino Cantelmi,
Maurizio Cardaci, Vincenzo Caretti, Massimo di Giannantonio, Daniele La Barbera,
Marco Longo, Giuseppe Riva, Alberto Siracusano

Comitato Organizzatore
Filippo La Paglia, David Mangiapane,
Ignazio Graffeo, Rosalinda Rizzo

-----------------------------------------------------------------------------

Programma

Lunedì, 23 novembre 2009

Ore 13:30 Registrazione dei Partecipanti

Ore 14:30 Apertura dei lavori
D. La Barbera - M. Di Giannantonio

Saluto delle Autorità
A. E. Cardinale

Moderatori: E. Aguglia - V. Caretti

Ore 15:00 La Realtà Virtuale in psicologia clinica: strumenti e prospettive
G. Riva

Ore 15:30 Telemedicina e malattia di Alzheimer
E. Aguglia

Ore 16:00 Coffee Break

Ore 16:30 Neuropsicoanalisi e Realtà Virtuale:
nuove prospettive terapeutiche
M. Di Giannantonio

Ore 17:00 Informatica clinica: evoluzioni e prospettive
P. Marconi

Ore 17:30 ICT, corporate learning e governo clinico
G. Migliore

Ore 18:00 Discussione

Ore 19:00 Cocktail di inaugurazione

-----------------------------------------------------------------------------

Martedì, 24 novembre 2009

Moderatori: F. Di Maria - A. Siracusano

Ore 9:00 Social Network e Neuroimaging: il contributo della
neuropsicologia al corretto uso delle nuove tecnologie
F. Bricolo

Ore 9:30 La vita degli altri in un mondo di specchi:
Facebook e le nuove dinamiche dell’incontro e della relazione
D. La Barbera

Ore 10:00 Second Life:
relazioni reali e setting gruppale nel mondo virtuale
M. Longo

Ore 10:30 Coffee Break

Ore 11:00 Web credibility come costrutto psicotecnologico
M. Cardaci

Ore 11:30 Web 2.0:
nuovi modelli della comunicazione nella comunità psichiatrica
F. Bollorino

Ore 12:00 Tecnologie informatiche applicate alla criminologia
G. Manzi

Ore 12:30 Discussione

Ore 13:00 Lunch

Moderatori: M. Cardaci - M. Longo

Ore 14:30 Dai Tech Abusers ai nativi digitali
T. Cantelmi

Ore 15:00 Tecnologie digitali e nuove forme di addiction
V. Caretti

Ore 16:00 Il corpo e le sue ibridazioni tecnologiche
M. Guarneri

Ore 16:30 Cyberbullismo e violenza virtuale nell’infanzia e nell’adolescenza
L. Petrone

Ore 17:00 Aggregazioni effimere: il Flash mob
M. Inguglia

Ore 17:30 Discussione

-----------------------------------------------------------------------------

Mercoledì, 25 novembre 2009

Moderatori: D. La Barbera - A. Messina

Ore 9:00 Minacce e contromisure delle tecnologie
per la socializzazione online
G. Me

Ore 9:30 Gli adolescenti alle prese con la banda larga:
opportunità e rischi
R. Lo Baido

Ore 10:00 Second Life:
arte, creatività e comunicazione nei mondi virtuali
M. Bellini

Ore 10:30 Coffee Break

Ore 11:00 Information and Communication Technologies
in mental health:
fifteen years of research in Spain
A.Garcia-Palacios

Ore 11:30 Tecnologie del virtuale e nuove forme di addiction:
il suono come droga
A.Messina

Ore 12:00 Risorse e potenzialità dei siti telematici per il lavoro psichiatrico
D. Mangiapane

Ore 12:30 Discussione

Ore 13:00 Questionario di verifica ECM

Ore 13:30 Chiusura dei Lavori

-----------------------------------------------------------------------------

Sede del Convegno
Castello Utveggio
Via Pietro Bonanno, Monte Pellegrino, Palermo
tel. 091 6391111

Provider
Via Etnea, 198 - 95030 Mascalucia (CT)
tel. +39 095 7271718fax +39 095 7273678
tresysrl@tresygroup.com www.tresygroup.com

Modalità di iscrizione
Il Convegno è aperto a Medici, Psicologi e a tutti gli Informatici e i Comunicatori interessati alle problematiche inerenti le Psicotecnologie e i Nuovi Media

Il Corso ECM è riservato a Medici con specializzazione in Psichiatria, Neurologia, Neuropsichiatria Infantile, Medici di Medicina Generale, Pediatria ed a Psicologi.

Inviare scheda d'iscrizione tramite fax allo 0957273678 o
tramite email a tresysrl@tresygroup.com

Costo dell'iscrizione al convegno € 90,00 per i professionisti e € 70,00 per studenti e specializzandi, da versare entro tre giorni dall'iscrizione avvenuta, tramite bonifico bancario intestato a:
TRESY srl - IBAN - IT49N0306984290615220588927
o vaglia postale intestato a
TRESY srl, via Etnea 198 - 95030 Mascalucia (CT)

ed inviare copia via fax o email. In caso non si riceva riscontro entro i termini sopra indicati l'iscrizione sarà ritenuta annullata.

Ai fini dell'acquisizione dei crediti E.C.M. è necessaria la presenza effettiva per il 100%della durata complessiva dell'evento e la corretta compilazione, da parte del partecipante, delle prove di verifica dell'apprendimento secondo la normativa E.C.M.

Attestati
Al termine del convegno sarà rilasciato un attestato di partecipazione ai convegnisti regolarmente iscritti. L'attestato dei crediti E.C.M. sarà spedito via posta agli aventi diritto dopo il controllo delle schede di valutazione e la presenza effettiva in sala.

...bene.
Questo è il link dell'evento su Facebook:
http://www.facebook.com/event.php?eid=150340563156
...e questo è il link del gruppo SIPTech, sempre su FB:
http://www.facebook.com/group.php?gid=64052490608
...e quest'altro è il link del sito SIPTech vero è proprio, che fra le altre cose trovate anche sulla destra del blog:
http://www.siptech.it/



Ora andiamo ad altri link, tutti da spulciare:

1- http://www.virtualclinic.org.au/
...è il sito di una iniziativa non profit, promossa dalla Clinical Research Unit for Anxiety and Depression (CRUfAD) del St Vincent's Hospital, Sydney, Australia e dalla School of Psychiatry, University of New South Wales, Australia.
In pratica si vuole creare una vera e propria clinica on-line, ma ancora siamo alle sperimentazioni.
E questo è il link di un loro lavoro:
http://www.informaworld.com/smpp/content~db=all~content=a915575215

2- http://www.youtube.com/pscchannel
E' il canale youtube dell'Associazione Studentesca "Psicologia Scienza e Cultura" di Palermo, che si propone l'approfondimento di tematiche di interesse psicologico e sociale.

3- http://www.slideshare.net/guest0203f8/tesi-virginia
Qui trovate il powerpoint tratto dalla ricerca condotta da Virginia Alabastro e pubblicata un mese fa in uqeste lande virtuali.
Il powerpoint lo potete sia leggere direttamente dal sito, sia scaricare, se siete iscritti.

4- http://aipsimed.org/articolo/la-proposta-di-legge-dellaipsimed-sulla-salute-mentale
Proposta di legge dell'AIPSIMED (Società Italiana Psichiatri) riguardo la salute Mentale.

Penso che ci siano tanti spunti di riflessione e tanto materiale da esaminare...
Un saluto e un buon weekend a voi!

martedì 13 ottobre 2009

...meno male che c'è l'ANSA...

Vi riporto un articolo ANSA del 7 ottobre, pubblicato da Yahoo Salute...

(ANSA) - SYDNEY, 7 OTT - Brutte notizie per gli psicoterapeuti, che rischiano di diventare un'altra categoria minacciata dalla miriade di servizi in internet. Uno studio dell'Unita' di ricerca clinica su ansia e depressione dell'ospedale St Vincent di Sydney indica che i programmi di terapia online hanno un'efficacia sostanzialmente maggiore delle visite di persona a uno psicologo o psichiatra. Secondo la ricerca pubblicata dalla rivista Australian and New Zealand Journal of Psychiatry, una serie di programmi su internet utilizzati da piu' di 1.000 persone mostra di aver prodotto migliori risultati di quelli ottenuti con specialisti in alcune delle migliori cliniche di salute mentale. Gavin Andrews, direttore dell'Unita' di ricerca clinica e docente di psichiatria all'universita' del Nuovo Galles del sud, descrive i risultati dello studio come ''preoccupanti'' per i professionisti, dato che la relazione paziente-terapista e' sempre stata considerata parte fondamentale del trattamento. Inoltre, dato l'alto costo dei trattamenti, una simile terapia offre forti risparmi e consente a piu' persone di ottenere risultati efficaci, aggiunge. L'unita' di ricerca ha sviluppato programmi online per forme paralizzanti di timidezza, depressione, attacchi di panico e disturbi generali di ansia, usando tecniche di terapia del comportamento cognitivo. I programmi comprendono sei sessioni in 10 settimane con l'aggiunta di 'compiti a casa', e i terapisti necessitano di meno di due ore con ciascun paziente. Le sperimentazioni dimostrano l'efficacia dei programmi. I risultati sono doppiamente migliori di quanto riportato nella letteratura scientifica per le terapie di persona, e una revisione dopo sei mesi mostra che si mantengono i miglioramenti conseguiti. Il tasso di abbandono, di circa il 20%, e' molto minore del 50% circa delle terapie faccia a faccia. (ANSA).

...siamo o non siamo all'avanguardia?

sabato 10 ottobre 2009

Giornata Mondiale della Salute Mentale...

...come vi sarete accorti, la grafica del blog è parzialmente cambiata...si è voluto dare un aspetto più glam (come potrebbe dire un "geek").
Più semplicemente, ogni tanto si cambia per esprimere una nuova idea, un nuovo stato d'animo... ancora più semplicemente, per andare avanti, verso il nuovo e l'inesplorato.

Oggi è la giornata Mondiale della Salute Mentale, manifestazione passata in sordina direi, manifestazione più importante a mio avviso delle varie giornate contro il fumo, l'alcolismo, l'obesità e via dicendo, perchè in qualche modo le include.
Infatti, già nel 1948, la WHO (World Health Organization) definiva la SALUTE come uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non come la mera assenza di malattia.
Dunque il concetto di salute mentale comprende e spiega i vari stati di disagio, legati a qualsivoglia sostanza o input esterno.

Approfitto di questo giorno e di questo spazio per buttare giù qualche idea.
Io credo che il tema della salute mentale debba essere più che compreso, amato... io penso che i servizi di psichiatria, o meglio di igiene mentale, debbano in futuro diventare più capillari e coinvolgenti, debbano mirare ad una maggiore commistione con la società.
Lo psichiatra non deve essere più considerato solo come un medico, ma credo più come un uomo tra gli uomini, che mette a disposizione la sua scienza non solo per curare delle malattie, ma anche per prevenirle... un uomo che cammina e allaccia rapporti, al fine di informare e guidare... una "figura itinerante", non in un senso prettamente fisico, ma anche mentale, perchè innanzitutto itinerante deve essere il suo pensiero...
Io credo in un futuro in cui i servizi di igiene mentale non saranno più negli ospedali, ma intrecciati nel tessuto sociale, anche adoperando mezzi come la rete, quel famigerato internet, che annulla le distanze e ci fa sentire tanto vicini.
...
...
...

Vi lascio due link, sperando che vi tornino utili:

1- http://www.wfmh.org/WMHD%2009%20Languages/ENGLISH%20WMHD09.pdf
...è un pdf (in inglese) che riguarda appunto la giornata mondiale della salute mentale, redatto dalla World Federation for Mental Health... leggetelo, è molto interessante e se avete problemi con l'inglese, potete sempre adoperare il traduttore di Google, che è uno strumento piuttosto preciso nella traduzione.

2- interrupt.it
...è una tv on-demand che si occupa di tecnologia soprattutto, cioè ci sono dei video caricati, che potete vedere a vostro piacimento... ve la segnalo perchè c'è una sezione dedicata alle nuove applicazioni tecnologiche in medicina davvero interessante.

Un saluto...

domenica 4 ottobre 2009

...dentro l'addiction...



Innanzitutto vi consiglio di leggere il seguente articolo, pubblicato sul Telegraph:
http://www.telegraph.co.uk/technology/news/5899659/Addiction-therapists-signing-up-to-World-of-Warcraft.html

...io cerco di riassumerlo.
In poche parole, coloro che nell'articolo vengono chiamati "addiction therapists" hanno provveduto a creare dei propri avatar all'interno di piattaforme come World of Warcraft (WoW - gioco MMORPG fantasy tra i più giocati al mondo), per capire meglio come funziona l'addiction in quegli adolescenti che giocano per 16 ore al giorno, trascurando la loro vita quotidiana, i loro rapporti sociali e via dicendo.

Altri punti importanti dell'articolo sono:
1- La Sweden’s Youth Care Foundation sostiene che WoW abbia un potere additivo perfino maggiore del crack.
2- Gli psichiatri, sostiene Claudine Beaumont autrice dell'articolo, devono confrontarsi con i loro giovani pazienti direttamente sul loro campo di gioco, cosa che probabilmente devono imparare a mettere in atto.

...un'altra conferma del fatto che la medicina deve seguire, come del resto ha fatto nel corso dei millenni, l'evoluzione della società e dei mutamenti della psiche umana che ad essa conseguono...
Le riflessioni da fare sono molte... lascio a voi lo spazio.

Buona domenica.

venerdì 25 settembre 2009

Perchè la psicoterapia conviene...

...è il titolo del XL Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicoterapia Medica (Sezione della Società Italiana di Psichiatria).
Si terrà a Palermo il 13/14/15 Novembre 2009 presso le Aule Nuove del Policlinico (Facoltà di Medicina e Chirurgia) site in via Parlavecchio 3.

E' un evento in accreditamento ECM per medici chirurghi, psicologi, tecnici della riabilitazione psichiatrica.

Per maggiori informazioni potete visitare il sito sipmsicilia.it o mandare una mail all'indirizzo congressosipm2009@gmail.com

P.S. Le tariffe di iscrizione variano se ci si iscrive al convegno entro o oltre il 20 ottobre.

Vi riporto uno stralcio della presentazione:
"Il congresso si propone di esaminare lo status della psicoterapia in un'era in cui la medicina basata sull'evidenza determina ampiamente quello che è da considerare un trattamento efficace, e di suggerire come la psicoterapia potrebbe rispondere alle aspettative di una EBM, preservando contemporaneamente la sua identità e il suo ruolo in psichiatria...."

...spero vi sia utile.
Buona giornata a tutti.

mercoledì 23 settembre 2009

Alcolismo e Disturbi Psichiatrici: una ricerca.



...oggi lascio la parola ad un'amica nonchè collega, che si laureerà ad ottobre con una tesi di laurea che tenta di spiegare la relazione tra alcolismo e disturbi psichiatrici...
Quello che segue è un sunto dello studio da lei condotto... spero lo apprezziate.
L'autrice è la (fra qualche giorno)dottoressa Virginia Alabastro.

Alcolismo e disturbi psichiatrici: una ricerca

Ipotesi, campione e strumenti
Nel corso del 2008 ho svolto un’attività di ricerca presso un Ser.T (servizio tossicodipendenze) della città di Palermo. Tale progetto, promosso dalla clinica psichiatrica del policlinico universitario della stesa città, aveva l’obiettivo di individuare i tassi di prevalenza di disturbi di personalità e tratti di alessitimia in un campione clinico costituito da 26 soggetti con dichiarata e manifesta alcol-dipendenza e successivamente di svelare la presenza di una correlazione fra fattori prognostici negativi e tratti disfunzionali. I metodi di indagine utilizzati sono la SCIDII (intervista clinica semi-strutturata per il DSM-IV-TR) di M. B. First per l’individuazione dei tratti relativi a disturbi di personalità e la TAS20 (Toronto Alessitimia Scale) di G. J. Taylor per le caratteristiche alessitimiche. Benché per considerarsi conclusa la ricerca abbia bisogno di un campione più ampio e di un gruppo di confronto non clinico, è stato comunque possibile constatare, confrontando con dati relativi alla popolazione generale, che la prevalenza di entrambe le condizioni citate è effettivamente molto più elevata. Si ricorda, a proposito della alessitimia, che ad oggi questa non è considerata un’entità nosologica ufficiale, per cui se è possibile trovare una classificazione e relativa descrizione dei 12 disturbi di personalità nei capitoli dedicati al secondo asse nel DSM-IV-TR, non sarà possibile trovare, né nel DSM né nell’ICD-10, alcun accenno all’alesstimia. Ciò nonostante il costrutto alessitimico ha interessato un consistente numero di ricercatori. Chi fra questi ha dato il maggior contributo è stato proprio il gruppo di Toronto facente capo a Taylor, cui si rimanda per approfondimenti. Nella valutazione dei fattori di prognosi si è stabilita una scala di attribuzione dei punteggi che va da un minimo di 1 a un massimo di 12. Gli elementi che si sono valutati fanno riferimento a 4 aree: tossicologica (esordio, mono o poliassunzione), sociale (lavoro, famiglia), terapeutica (anni di trattamento, numero di farmaci assunti) e clinica (patologia di asse I o malattie organiche associate). Si sono considerati a prognosi discreta/buona i soggetti con punteggi inferiori o uguali a 6, viceversa coloro che hanno totalizzato punteggi superiori o uguali a 7 si sono considerati a prognosi moderatamente o gravemente cattiva.

Risultati
Dall’analisi di entrambe le condizioni indagate si sono ottenuti risultati piuttosto interessanti. In particolare la prevalenza dei disturbi di personalità ha di poco superato il 70% (risultati paragonabili sono stati ottenuti in campioni reclutati presso strutture carcerarie). In particolare il disturbo di gran lunga più rappresentato è stato il borderline, in accordo con quanto rilevato da studi effettuati su campioni molto più numerosi negli ultimi 20 anni. Purtroppo, come hanno già fatto notare diversi ricercatori fra cui ad esempio M. Stone, il disturbo di personalità borderline raramente viene diagnosticato singolarmente; invece con una frequenza di ben 9 volte su 10 esso è associato a tratti riferibili ad altri disturbi. Questo dato è confermato anche nella presente ricerca. Nel campione in esame il disturbo borderline è seguito in ordine di frequenza, dai disturbi di personalità paranoide e ossessivo-compulsivo . Si segnala al riguardo che un flusso idetico paranoide è di frequente riscontro in un alcolista cronico e che quindi tali atteggiamenti possono essere conseguenza piuttosto che causa della dipendenza. Per quanto riguarda i risultati della TAS20 soltanto 5 dei 26 soggetti ha avuto esito nettamente positivo. Si precisa, tuttavia, che mentre la TAS di Taylor prevede una categoria diagnostica “borderline” (esiste cioè una fascia di punteggi che da esito indeterminato) questo non accade per la SCIDII che distingue di due sole categorie (positivi e negativi). Dunque mentre il 70% circa di positivi alla SCIDII include anche soggetti con punteggi relativamente bassi (benché soprasoglia), la TAS esclude questi soggetti collocandoli appunto nella categoria borderline, che, invece, è abbastanza rappresentata. Di fatti il numero di soggetti negativi e indeterminati alla TAS è risultato quasi equivalente. E’ interessante notare che la piccola quota di soggetti alessitimici presentava quadri piuttosto gravi sia alla SCID che alla valutazione degli indici prognostici. Credo dunque sia possibile identifcare l’associazione alessitimia-disturbo di personalità come un indice affidabile e suggestivo per una cattiva prognosi nella valutazione della dipendenza da sostanze.

...commenti?
Un abbraccio e buona serata a tutti.

martedì 22 settembre 2009

Aggiornamenti.



...ripartono gli appuntamenti e le segnalazioni di interesse psichiatrico e psicologico con un seminario, che si terrà domattina alle 11:00 in via La Loggia 1 dal titolo "Aspetti cognitivi e meta-cognitivi del DOC"... il relatore che si occuperà dell'argomento è il dott. Gaetano Gioveni.



...anche quest'anno parte la macchina organizzativa che porterà al XIV Congresso Sopsi che avrà come titolo: "Psichiatria: No Health Without Mental Health"... che si terrà a Roma dal 16 al 20 febbraio 2010.
Per maggiori info:
Segreteria Organizzativa... mgacongressi.it o 06398651

mercoledì 16 settembre 2009

...dove eravamo rimasti...

...ricomincia in ritardo rispetto a quanto pronosticato l'attività del nostro blog.
Ricominciamo con 2 video...

Il primo è un mix di powerpoint dal "Convegno sulle Nuove Dipendenze", tenutosi l'11 luglio 2009...



Il secondo è il racconto di una psichiatra, che opera al Poliambulatorio di Lampedusa... un racconto oltre la psichiatria, attraverso l'umanità...



...un abbraccio a tutti voi...and stay tuned!

domenica 19 luglio 2009

Somme...

...innanzitutto buona domenica a tutti.
In molti leggerete questo articolo di ritorno dal mare...
Questo è il post conclusivo di un anno accademico che ci ha portato lontano, molto lontano...
Ci ha portato soddisfazioni dal punto di vista umano innanzitutto: sono tante le persone che ci hanno contattato, sono stati tanti i colloqui e le ore passate insieme.
Inoltre sono arrivati anche la partecipazione ad un convegno internazionale, alcune pubblicazioni e la indicizzazione su PubMed, che per chi non lo sapesse è il più importante motore di ricerca di letteratura medica a livello mondiale.
Questa esperienza fino ad ora ci ha portato anche l'amicizia di molta gente, ci ha portato la conoscenza di storie di vita, ci ha portato voi.
Ovviamente questo non è un addio.
La piena attività del blog riprenderà a settembre, nel frattempo se ci saranno eventi importanti o notizie interessanti non mancheremo il nostro appuntamento all'informazione ragionata a cui siamo tutti ormai abituati.
Da settembre 2009 credo partirà un altro nostro progetto che ci vedrà impegnati con la Realtà Virtuale ed il Biofeedback, ci sono in preparazione inoltre diverse altre "cosine" riguardo le quali adesso non vi svelo nulla.
...oltre ovviamente al Convegno Internazionale Siptech, da noi organizzato, previsto per novembre, anzi, se qualcuno si volesse sponsorizzare, ancora sono liberi dei posti sul cartellone principale dell'evento, nei quali inserire il logo della propria attività.
Il sottoscritto sarà presente per tutta l'estate su Facebook e comunque per qualsiasi motivo non esitate a scrivermi!
Che dire di più...
1)Per questo mesetto mi mancherete!
2)Buona estate!

giovedì 25 giugno 2009

CyberTherapy 14.



Ritorno dopo una pausa di circa 20 giorni.
Ritorno anche dalla 14esima Conferenza Internazionale di CyberTherapy e CyberPsychology dove il nostro gruppo ha organizzato un simposio.

L'intervento e dunque il powerpoint relativo a questo progetto lo trovate qui:
http://www.slideshare.net/CyberMister/cyber-therapy-meets-facebook-blogger-second-life

Potete semplicemente sfogliare il powerpoint dal sito o se fate un account gratuito potete anche scaricarlo e leggerlo più comodamente...anche perchè sfogliandolo dal sito ci sono un paio di slide poco leggibili.
Dimenticavo...dato che la conferenza è stata tutta in inglese, anche il nostro powerpoint è in inglese...

Appena la responsabile video del convegno caricherà i video dell'evento su YouTube, sarò lieto di informarvi e permettervi così di respirare un po' dell'atmosfera di quei giorni.

Vi lascio con un abbraccio...
Buona serata a tutti.

sabato 6 giugno 2009

Girolamo Ragusa Moleti...uomo palermitano...



...forse poco conosciuto.
Poeta, romanziere, giornalista, palermitano... amava Baudelaire, fu il primo in Italia ad accorgersi del valore artistico di quest'ultimo, sostenendo che le opere del poeta francese non potevano essere tradotte ne capite adeguatamente... dovevano essere SENTITE...
Il resto lo trovate su Wikipedia.
Il mio vuole essere un omaggio a quest'uomo e un omaggio a voi lettori.

Per voi una sua poesia.

Congedo

Torna tu dei vecchi tempi,
Gialla Musa, o primo amore;
Torna in armi, in ferrea maglia;
D'odio il petto mi riempi;
Nuovamente odo il clamorc,
Che mi chiama a la battaglia.

Finchè, in turbo osceno, il vento
Menerà siccome foglie
Le tapine genti umane,
Disperate dal momento
Triste d'oggi, e da le doglie
Che l'aspettano domane;

Finchè riso d'istrioni,
Finchè pié di danzatrice
Varran più che gentilezza;
Finchè usura di padroni
Spremera da un infelice
Gente serva sua ricchezza;

Finchè a notte de la fame
A sentir dentro gli artigli
Uomo torcesi le braccia;
Finchè stesi in poco strame
A le madri ignudi i figli
Leveran la scarna faccia;

Indugiar, Musa, tra i fiori
Non possiamo; inavvertite
L'albe alterninsi ai tramonti;
Nè c'importi dei colori
Onde al maggio son vestite
Falde e vette ai nostri monti

Addio, fiori, acque lucenti,
Carezzevoli all'orecchio,
Addio, valli, aeree cime;
Come groppo di serpenti
Vo' lanciar nel mondo vecchio
Nuovamente le mie rime.

...buona giornata.

martedì 2 giugno 2009

Congresso SIP Sicilia.

XII CONGRESSO DELLA SOCIETA' ITALIANA DI PSICHIATRIA
SEZIONE REGIONALE SICILIA

"Psichiatria: Identità e Complessità"

Catania, 16-18 Giugno 2009
Hotel Parco degli Aragonesi

info: tresysrl@tresygroup.com

mercoledì 27 maggio 2009

Shopping Compulsivo...



...quarto incontro del ciclo di seminari dal titolo "Le Dipendenze Patologiche" promosso dalla I.ri.s Onlus, a cura della Dott.ssa Lucia Sideli.
Si terrà il 4 Giugno alle 19:00 presso il centro di psicoterapia Caracciolo, sito in via Libertà 100 (Palermo).
Ricordo che per i soci la partecipazione è gratuita, mentre per i non-soci la quota di partecipazione è di 10€.

Buona giornata a tutti.

sabato 23 maggio 2009

IAD, Cognitività, Medicina Narrativa...


Salvador Dalì...three sphinxes of bikini...

L' IAD come ormai sapete è l' Internet Addiction Disorder...
Da un paio di mesi sono on-line due siti che permettono un autocontenimento dei pazienti... sono stati provati solo molto parzialmente dal punto di vista medico.
Io penso che l'idea alla base sia buona, anche se la struttura presenta qualche lacuna:

...il primo si chiama MinutesPlease (http://minutesplease.com/)
In pratica come si usa: si apre il sito, nello spazio OPEN si incolla il link del sito che si intende visitare, nello spazio FOR si inserisce la durata della propria navigazione, cioè si scrive 30 minutes se si vuole navigare in quel dato sito per mezz'ora e via dicendo. Un minuto prima dello scadere del tempo, il sito propone una sorta di conto alla rovescia... a questo punto si può aggiungere un altro po' di tempo alla navigazione o si può lasciare che MinutesPlease continui il suo conto alla rovescia, terminato il quale chiuderà automaticamente il sito che stiamo visitando.

...il secondo è KeepMeOut (http://keepmeout.com/)
Molto meno funzionale... si inserisce il link del sito che si visita troppo frequentemente e il periodo di tempo che si intende far trascorrere da una visita ad un'altra a quel dato sito... il sistema avvertirà l'utente.

Il tallone d'achille di questi programmini è la loro difficoltà nell'utilizzazione... cioè, di per se stessi sono semplici da usare, ma funzionano da tramite tra l'utente e il sito che questi intende visitare... molto poco comodo.
Secondo voi c'è un margine di funzionamento?... io rimango perplesso.

Un'altra notizia molto interessante è che in alcune parti del mondo, contemporaneamente, sono partiti degli studi sulla cognitività usando dei giochini in flash.... in parole povere si tenta di testare i problemi cognitivi di pazienti psichiatrici utilizzando giochi on-line come quelli che trovate qui:
http://www.flashgames.it/
...sembra una buona idea...

Infine, volevo parlarvi di Medicina Narrativa, disciplina nascente ma già molto apprezzata... disciplina di cui ignoravo l'esistenza fino a qualche giorno fa, quando il prof. La Barbera ha tenuto la prima di una serie di lezioni che riguardanola "Dimensione Narrativa della Mente: aspetti psicologici e psicopatologici".
...come spiegava il professore, il tentativo è quello di recuperare la dimensione UMANISTICA della medicina, asptto trascurato negli ultimi decenni diciamo, durante i quali si è dato spazio unicamente agli aspetti prettamente scientifici di questadisciplina, dai quali ovviamente non si può prescindere...
A questo proposito vi segnalo due frasi che ho apprezzato molto e due links:
..."ogni narrazione tende a divenire parte della nostra narrazione personale"...
..."trovare un posto nel mondo è un atto di immaginazone"...
Per saperne di più:
http://www.iss.it/cnmr/medi/chis/cont.php?id=79&lang=1&tipo=10 e inoltre
http://www.medicinanarrativa.it/newsite/index.asp

...spero che gli argomenti trattati siano stati di vostro gradimento.
Buon fine settimana.

domenica 17 maggio 2009

RealVirtuality...

...iniziare un post con dei puntini di sospensione indica un pensiero... un'idea che cresce, si modella, si destabilizza e poi si pulisce... i puntini di sospensione portano inoltre il discorso "in medias res", come solevano dire i nostri padri...

Come sapete, questo blog o meglio tutta la rete che ci sta attorno è costruita su un primo, piccolo mattone: la realtà e la virtualità si avvicinano inesorabilmente...
E' una nostra affermazione, una nostra idea, che ci ha portato a provare l'esperienza di esportare un abbozzo di servizio psichiatrico direttamente on-line.

Non siamo solo noi a pensare che in un tempo vicino o lontano la realtà e la virtualità si uniranno fino a compenetrarsi e completarsi a vicenda... ciascuno di voi ha detto o pensato: "Aspettate, mi devo collegare... devo FARE una cosa su internet".
FARE COSE implica concettualmente il compimento di un gesto pratico... la rete allora permette il compimento di gesti pratici, se lasciamo che il concetto di praticità includa qualsiasi gesto della vita di relazione oltre che della compravendita di oggetti su Ebay...

Questo blog non è un pulpito. Qui non si fanno prediche. Questo è un blog di idee ed esperimenti... idee a volte lasciate a metà, non perchè siano carenti esse stesse, ma per lasciare lo spazio a voi lettori per una sana e individuale digestione... per lasciare a voi le conclusioni.

Guardate questo video che presenta la possibile evoluzione del web 2.0.
E' leggero, chiaro, ben fatto... forse un po' eccessivo, ma è solo un mio parere.
E poi è stato realizzato sotto la supervisione del professore Derrick De Kerckhove, come si può vedere nella schermata finale.

A voi...



Se non sapete chi è Derrick De Kerckhove... http://it.wikipedia.org/wiki/Derrick_de_Kerckhove

Se Google Latitude vi ha incuriosito... http://www.google.com/latitude/intro.html

Buona domenica... e buona digestione!

mercoledì 13 maggio 2009

Psichiatria di Collegamento e Neuroni Specchio...



Altri due importanti appuntamenti ai quali non si può mancare...

...26,27 Maggio
"La clinica dell'ascolto, la clinica delle relazioni: le basi della dimensione energetica in Psichiatria di Collegamento"
Bagheria - Villa Cattolica
x info 0916113942 (C&S Congressi S.r.l)
P.S. Corso ECM

...5 Giugno
"I Neuroni Specchio: nuove frontiere della otoneurologia"
...con lettura magistrale del Prof. Giacomo Rizzolatti (lo scopritore dei neuroni specchio tanto per capirci!)
Palermo - A.O. Policlinico "Paolo Giaccone" - Aula Maurizio Ascoli
Il convegno inizierà alle 8:30 e terminerà alle 16:00 circa
P.S. Per questo incontro bisogna iscriversi previamente sul sito bibacongressi.it o mandando una mail a congressi@bibatour.it

Spero abbiate apprezzato ancora una volta le segnalazioni...
Vi auguro una buona giornata!

lunedì 11 maggio 2009

Confessioni...



Sono un vagabondo del web... giro, cerco, rovisto...

Ho trovato due siti di Confessioni... il primo si chiama Earfl.com è statunitense e ci sono confessioni di tutti i tipi (in lingua inglese logicamente) in formato audio; si può registrarli via web o per telefono: si trova di tutto, da chi deve partire per l'Iraq a chi ha tentato il suicidio, da chi confessa un furto a chi canta.
Questo è il link, non della homepage, alla quale tra l'altro potete facilmente accedere a partire dalla pagina che vi sto per segnalare, ma del racconto di una donna che da adolescente ha tentato il suicidio...
http://earfl.com/listen/3973

Il secondo è l'analogo italiano, si chiama Erbadelvicino.com: è vagamente più soft, e si possono stavolta solo scrivere le proprie confessioni in maniera del tutto anonima.
Ho cercato nella homepage "suicidio" e questi sono i risultati:
http://www.erbadelvicino.com/SearchMessageResult.asp

...a volte mi verrebbe da pensare che il signor Beckett ci abbia visto giusto con i suoi Godot e Krapp... lui scriveva di incomunicabilità umana... ma probabilmente si tratta di "cattiva comunicazione", comunicazione senza scopo, associata ad un uso superficiale della rete... forse la tv dovrebbe insegnare ad usufruire di un potente mezzo come internet anzichè deriderlo e cercare di ghettizzarlo con i vari "Feisbum"... forse Facebook non è solo una vetrina in cui la gente mostra quanto è bella e vivace, ma forse se venisse usato anche per Comunicare, come fanno in molti tra l'altro, si potrebbero trarre tanti vantaggi dal mezzo.
Credo sarebbe d'uopo cominciare ad usare la rete con un approccio un po' più educazionale anzichè esclusivamente commerciale o ludico.
Questo è solo un mio pensiero...

Vi lascio con una iniziativa a parer mio lodevole, promossa da una piccola tv-online siciliana (di Licata AG, che è anche il mio paese d'origine)... in pratica, ogni lunedi sera trasmetterà un programma interamente gestito e condotto da esponenti dell'Arcigay, con il proposito di fare uscire allo scoperto delle realtà taciute, con un intento conoscitivo.
Il link della web-tv è http://www.licatanetwork.it/index.html

...spero abbiate letto con piacere...buona giornata.

giovedì 7 maggio 2009

I.RI.S Onlus... cos'è?



I.RI.S è l'Istituto per la Ricerca Simbolica - Associazione Culturale Onlus.

"Per la ricerca, lo studio e la prevenzione del disagio psichico, individuale e sociale e la promozione del benessere psicologico"

L'attività e i progetti I.RI.S sono rivolti alla prevenzione e all'intervento sui disturbi psichici e sulle nuove forme di disagio psicologico legate alle dipendenze patologiche, all'impatto delle nuove tecnologie della comunicazione e ai disturbi di personalità. I.RI.S ha anche come obiettivo la diffusione in tutti i contesti educativi e formativi di esperienze e pratiche culturali rivolte alla valorizzazione e allo sviluppo del patrimonio simbolico e delle potenzialità creative dell'individuo e dei gruppi.

Il presidente è il prof. Daniele La Barbera.

La sede si trova presso il Centro di Psicoterapia "F.Caracciolo"
Via Libertà, 100 - 90143 Palermo
Tel: 091.6259629 - 091.6555168 Fax: 091.6555165
email: i.ri.s.onlus@hotmail.it
c/c postale n. 84882323

Dona il 5x1000 all'associazione, basta firmare nell'apposito riquadro del CUD 2009, del modello 730/2009 redditi 2008, o del Modello Unico Persone Fisiche 2009, e riportare nell'apposito spazio il codice fiscale della Onlus, riportando la dicitura "Associazione I.RI.S Onlus"
Il codice fiscale da inserire è il seguente...C.F: 0565640821
...vi ricordo che tutto ciò è assolutamente gratuito...

Oppure diventa socio e partecipa alle attività della associazione...

Buona giornata a tutti.

martedì 5 maggio 2009

Non solo "Foco"...

E' da tanto che non posto una poesia...
Questa vuole essere un regalo...
E' di Cecco Angiolieri, additato come ribelle, ma che in realtà tanto ribelle non fu; etichettato come cinico e godereccio, era profondo invece e riflessivo.
Cecco non era solo quello di "S'i fosse foco, arderè il mondo"... e questo passo che vi propongo ne è la prova.
Spero la troviate interessante...io ne sono rimasto affascinato.
Buonanotte o buongiorno...

"S'e' si potesse morir di dolore,

molti son vivi che sserebber morti;

i' son l'un desso, sed e' no me 'n porti

'n aním' e carn' il Lucifer maggiore:

avegna ch'i' ne vo co la peggiore,

ché ne lo 'nferno non son cosi forti

le pene e [li] tormenti e li sconforti

com' un de' miei, qualunque è l[o] minore.

Ond' io esser non nato ben vorria,

od esser cosa che nnon si sentisse,

poi ch'ì' non trovo 'n me modo né via:

se non è 'n tanto che sse si compisse

per aventura omai la profezia,

che ll'uom vuol dir, ch'Anticrísto venisse"


P.S...non dimentichiamo che oggi è la giornata contro la pedofilia...un abbraccio particolare all'amica Tove (che sperò leggerà), impegnatissima in questa lotta.

...credo di aver finito.

giovedì 30 aprile 2009

Maggio...tra migranti, Second Life e creatività...



Oggi vi segnalo 3 appuntamenti che si terranno a Maggio a Palermo:

5 Maggio
"L'assistenza sanitaria ai migranti a Palermo: attualità e prospettive"
...si terrà presso l'Area Museale "La Vignicella"
in via La Loggia 5
(dalle ore 9:00 alle 16:00 circa)

7 Maggio
"Second Life in Schizofrenia. Dall'intervento precoce alla prevenzione delle ricadute. Il ruolo della cognitività nella terapia della schizofrenia"
...si terrà presso l' Nh Jolly sito nelle vicinanze del Foro Italico
Da aggiungere che si tratta di un corso ECM, inizierà alle 9:00 con una conclusione prevista per le 17:15 circa.
Info: v.alicino@mgacongressi.it

19 Maggio
"Potenzialità e risorse della creatività in ambito clinico e riabilitativo"
...si terràal Di.Ne.C di via La Loggia 1 (Aula Rubino)
...inizio ore 11:00

...credo che si tratti di appuntamenti di tutto rispetto, dal gradiente culturale e scientifico molto elevato.
Spero siano di vostro gradimento.

Buona giornata!

lunedì 27 aprile 2009

L'amore mancato...

L'Amore Mancato
(frammenti autobiografici, intuizioni, riflessioni, sfoghi)


Mi presento:

Non sono giovanissima. Ho superato i quaranta. Li ho anche superati da un pezzo. Ma non dimostro i miei anni. Neanche loro mi dimostrano di esserci.

Per essere sincera mi sento vent'anni. A vent'anni non mi sentivo proprio. Quindi i conti tornano.

Sono molto carina quando mangio poco e mi liscio i capelli.

Sembro una 'tardona'' quando mi abbuffo e ho i capelli gonfi o ricci.

Credo di essere una persona molto profonda che ha svariate cadute nella superficialità.

Ultimamente ho una gran voglia di leggerezza e credo di essere ricambiata.

Ho vissuto un dramma alcuni anni fa. Una malattia che mi ha cambiato profondamente. Faccio fatica a parlarne, la stessa che faccio a non parlarne.

Ho due figli e un marito. Li amo quasi tutti e tre...

Negli altri non sopporto la diffidenza, avrei bisogno di essere sempre accolta a braccia aperte e a prescindere. Probabilmente perchè mia madre non ha saputo farlo. Era una donna anaffettiva. Ci ho messo quarant'anni della mia vita per capirlo e non so se mai riuscirò ad accettarlo.

Mancato il suo amore ne sono cominciati a mancare molti altri...

In genere sono gentile. Però cerco sempre di evitare il contatto con la gente. Mi nascondo dietro grandi occhiali da sole per fingere di non aver visto questa o quell'altro; mi pesa anche dire ' ciao'.

Ma tollero con fatica che gli altri non me lo dicano.

Quando sto a casa, a volte, mi sembra che debba arrivare qualcuno che apra la porta con la chiave, entri e mi restituisca finalmente la quiete, una quiete mai avuta .

Il mio modo d'essere più frequente è 'in attesa'.

Quando mi sveglio la mattina vado subito ad aprire il computer a cercare eventuali email, a vedere su facebook se qualcuno mi ha scritto qualcosa,ad accendere il cellulare sperando di sentire il bip bip di un messaggino.

Non so da chi e perchè, ma desidero tanto ricevere qualcosa...

Poi quando qualcuno mi dà un po' d'attenzione divento ingorda.

Sono una che non si sazia mai, anche a tavola.

Per tanto tempo ho ignorato i miei desideri per questo ora sono infiniti

Ed intendo soddisfarli tutti.

La mattina mi faccio la doccia con trasporto..l'acqua è il mio elemento.

Mentre scorre sopra il mio corpo, sento che fluisce e si diffonde in modo omogeneo anche dentro di me.

Poi il rumore del 'phono' mi rilassa la mente, l'aria calda sui capelli è una dolce carezza. Non mi tiro più indietro davanti a una carezza...

...quello che avete appena letto è un frammento di un racconto lungo inviatomi da un'amica... spero vi piaccia...

Buon inizio settimana.

venerdì 24 aprile 2009

...nuovo box chat.


Get your own Chat Box! Go Large!


...un nuovo strumento per scambiarci idee, opinioni, esperienze.
Spero vi piaccia anche la grafica.

Buona giornata a tutti.

lunedì 20 aprile 2009

Un video...un appuntamento...


Convegno Nazionale "Le nuove Dipendenze" Daniele Labarbera from Antonio Santamaria on Vimeo.

...dal convegno nazionale "Le Nuove Dipendenze"... relazione del prof. Daniele La Barbera... purtroppo non sono riuscito a trovare l'altra parte della relazione, ma già da questi 30 minuti si ricavano una buona quantità di concetti e di dati interessanti...

L'appuntamento riguarda il tema "Dipendenza da uso di sostanze" a cura della dott.ssa Alice Mulè con introduzione del prof. La Barbera, che si terrà il 27 Aprile alle 19:30 (Palermo - via Libertà 100).
L'incontro, come già sapete, fa parte di un ciclo di seminari che riguarda "Le Dipendenze Patologiche"...al link in basso trovate maggiori informazioni.
http://psichiatriaecybertherapy.blogspot.com/2008/11/incontri.html

...vi auguro una buona serata.