lunedì 24 novembre 2008

Sigmund Schlomo Freud...



...il necessario lo sapete già o potete saperlo digitando il suo nome su Google...
Io penso che soprattutto le piccolezze fanno grande un uomo...eccone alcune...

Freud collezionava antichi reperti (greci, assiri, egizi)... era attentissimo alla puntualità coi pazienti... fumava 20 sigari al giorno (la foto ne è testimone!)... comprava libri fino a far debiti... era costantemente preoccupato al pensiero della morte, la sua ovviamente, che pensava dovesse avvenire nel febbraio del 1918, invece morì 20 anni dopo... detestava i preamboli e il superfluo, infatti possedette al massimo contemporaneamente 3 abiti, 3 paia di scarpe e 3 ricambi di biancheria... era geloso della sua vita privata, ma estremamente indiscreto quando si parlava di altre persone, proprio per questo motivo litigò con molti dei suoi amici e allievi...
Ma ora 2 vere chicche...
1) Durante una discussione politica fu accusato di non essere di alcun colore, né rosso, né fascista, né socialista, ed egli rispose divertito: "No, si dovrebbe essere solo di color carne".
2) Dopo l'annessione dell'Austria alla Germania di Hitler, la diplomazia internazionale, anche Roosvelt, anche Mussolini, si mosse affinché all'ebreo Freud e alla sua famiglia fossero risparmiate le leggi razziali. Una delle condizioni per ottenere il visto di uscita fu quella di firmare un documento che diceva più o meno: "Io prof. Freud dichiaro di essere stato trattato bene dalla Gestapo e con tutto il rispetto dovuto alla mia fama di scienziato." Ma Freud chiese il permesso di aggiungere di suo pugno: "Posso vivamente raccomandare la Gestapo a chicchessia". Il che gli fu concesso.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

PRIMA LA SANTA INQUISIZIONE, POI LA PSICHIATRIA.
E' nata come strumento carcerario-punitivo all'incirca nel 1700, per fermare soggetti scomodi al potere e anche soggetti non omologati alla mediocrità di un inconscio collettivo, è ovvio che al sistema non facciano comodo menti uniche e per questo sofferenti, auspicabilmente da guidare per mescolarsi alla mediocrità, ma, aiutarli a mantenere la loro unicità, oltre che scomodo è
costoso è impegnativo.

OGGI

oltre a quanto detto da Diotima nel post precedente, do una visione leggermente diversa: in fase acuta l'antipsicotico è indispensabile.
nella fase cronica può essere di aiuto come "liquido di raffreddamento, senza spegnere però i ragionamenti, quindi sapientemente dosato, ma i danni collaterali sono pesanti a titolo di esempio: aumento di peso, l'aumento di peso induce diabete, il diabete se grave necessita di insulina che fa aumentare di peso e quindi aumenta il diabete; la sperimentazione non si fa sui campioncini di 2000 persone, quella serve solo a vedere se le persone non schiattano! ma sulla massa.
E' provato che il miracoloso Zyprexa ingrassa e provoca il diabete ed ha la stessa efficacia di quell'altra porcheria di haldol - serenase, questi farmaci provocano la discnesia tardiva che fa muovere parti del corpo involontariamente, c'è gente a cui ballano le mascelle, altri che hanno la tremarella alle mani, il Risperdal, primo farmaco atipico di nuova generazione, produce impotenza e blocco, se ci si riuscisse, dell'eiaculazione, ce ne sono tanti altri....
quelli di vecchia generazione sono tremendi ma vengono tuttora usati, Nozinan, Largactil che annulla completamente la persona, per i più "testardi" c'è ancora in commercio il veleno: CLOZAPINA alias LEPONEX, salivazione da cani, si bagna il cuscino la notte, dopo che ha ucciso svariati sfigati, hanno deciso che bisogna monitorare l'emocromo ogni settimana.

poi le benzodiazepine, TAVOR, EN, XANAX, HALCION, VALIUM,... droghe legali di cui si va a ruota e non se ne può più fare a meno, gli psichiatri ne prescrivono a tonnellate.

Insomma tutto questo discorso è teso a cercar di far capire che forse un minimo di farmaco può essere utile, ma è l'approccio ad essere completamente sbagliato, nel 90 % dei casi, strumentale agli altissimi profitti delle case farmaceutiche rintuzzate dai loro servitori laureati in psicopolizia.

In Italia, W FRANCO BASAGLIA!

in Estonia, ma anche nella civile Inghilterra (vedi Ron Coleman) il primissimo trattamento ad una persona bisognosa di aiuto è l'elettroshock, l'elettroshock crea una convulsione che fa secernere alle ghiandole cerebrali sostanze affini a psicofarmaci in quantità 50 volte superiori, sedute consecutive di elettroshock determinano perdita della memoria, depersonalizzazione, perdità di creatività, la "persona" diventa "paziente" dimenticando se stesso e quindi anche il suo diturbo-disagio.
Hemingway, dopo essere stato forzatamente elettroshkkato, perse ogni creatività e disperato con la mente tremendamente svuotata la riempì con un proiettile.
TSO, trattamento sanitario obbligatorio, meglio la galera, tutto quello detto viene applicato alla persona in quei quindici trenta giorni di prigionia senza nessuna colpa se non la colpa del pensiero esistenziale, TU! non devi pensare a queste cose! se pensi stai male e noi ti spieghiamo i tuoi pensieri come se fossi all' asilo.

Sia chiaro un approccio di tipo psicanalitico è praticamente impossibile perchè costoso e fruibile solo in maniera privata, la mutua ti passa solo terapie volte a far dimenticare i "cattivi pensieri" e reinserire il soggetto il più presto possibile, non facendolo diventare se stesso ma solo un sempliciotto che rispetta i doveri del cittadino, falsamente sereno come falso è il nuovo super-io sostituito a quello genitoriale, perchè sì! nella maggior parte dei casi i colpevoli sono i genitori o addirittura i progenitori dei progenitori.

LO SCOPO DELLA PSICHIATRIA CLINICA, DOPO LA "DOMA" E' IL MANTENIMENTO, NON LA GUARIGIONE.

LO SCOPO DELLA RICERCA PSICHIATRICA E' IL CONTROLLO DELLE MENTI ATTRAVERSO IL DELIRIO DI ONNIPOTENZA DELLA COMPRENSIONE MECCANICISTICA DEL CERVELLO.

non facciamo comunque di tutta l'erba un fascio, qualche "camice rosso" c'è ancora e qualche paziente è talmente compromesso da non poter guarire.

Ben venga la Cyberterapy se poi è in grado di aiutare qualcuno, in fondo è come una terapia di gruppo, però secondo il mio modesto parere è una delle solite mode miracolose americane, dieta a zona e per chi se la ricorda ,la Scarsdale, la Cyberterapia è virtuale e quindi molto potenzialmente falsante, è necessario che ci sia un rapporto umano reale, fisico, ben venga il transfert e ben venga anche una relazione molto approfondita tra paziente e terapeuta, alla pari!
alla pari! vedete "prendimi l'anima" film che narra il rapporto d'amore che si stabilì tra Carl Gustav Jung e Sabine Spielrein, grave errore secondo la psicanalisi freudiana ortodossa, una ragazza russa di origine ebrea, isterica grave e guarita, laureatasi in psicologia, creatrice di un metodo ed una scuola sperimentale nella Russia leninista.

per concludere io penso che nel virtuale siano sufficienti i mezzi già presenti utilizzati per guardarsi nel profondo e fare esperienza diretta senza guide professionali che richiedono poi il colloquio privato, come può essere l'ersperienza diretta di una personalità in formazione che si rapporta con il mondo reale,

comunque tanti auguri per questa innovazione!
io ne resto fuori e continuo ad aiutare chi ha bisogno più di una pacca sulla spalla che di uno smile giallo, casomai a pagamento tra le novità dei messenger.

Viva l'Arte in tutte le sue forme:

Cordiali Saluti

Priscilla

CyberMaster ha detto...

Ciao Priscilla e benvenuta innanzitutto... ho letto il tuo commento fiume e ti devo dire che un paio di cose le condivido...
Ovviamente non condivido i toni da invettiva che usi, qua non c'è nessun nemico da screditare e dunque le filippiche non sono necessarie nè utili a qualcuno...
Detto questo, a me piace prendere il meglio delle cose, mi piace vedere il lato positivo e del tuo commento mi piace il tuo spirito d'aiuto, dici di aiutare la gente mediante l'Arte... è un metodo che ammiro e che ritengo utilissimo... inoltre ritengo anche io che la terapia psichiatrica o psicologica de visu sia ad oggi il metodo migliore da tutti i punti di vista di approccio e cura del paziente...
Glisso sul resto a livello concettuale (dello stile ne ho già parlato) in quanto totalmente ed ovviamente fazioso...
Comunque Priscilla, qua ci piace il dialogo e tu sei la benvenuta!